top of page
  • Immagine del redattoreSimone Campion

Il giardino a basso impatto idrico

Avere un bel giardino è sicuramente un desiderio di molti, tuttavia la manutenzione rischia di essere impegnativa e soprattutto onerosa. È però possibile ovviare a questo inconveniente scegliendo un giardino a basso impatto idrico.


Oggi più che mai infatti l’utilizzo ponderato dell’acqua è una necessità non solo economica, ma anche ambientale e questo aspetto riveste una particolare importanza in fase di progettazione.

Per ottenere un giardino che richieda una modica quantità d’acqua sarà essenziale valutare in prima battuta:

· clima dell’area geografica in cui si trova il giardino

· esposizione solare di ciascuna parte del giardino

· caratteristiche organolettiche del terreno e relativa capacità di trattenere l’acqua


Sulla base di questi elementi sarà quindi possibile decidere quali piante inserire. Le opzioni possibili sono diverse: non solo succulente (o piante grasse), scelta tipica nel giardino mediterraneo, ma anche: piante arboree, arbustive ed erbacee. Queste infatti richiedono un minor fabbisogno idrico, assicurando comunque un piacevole effetto visivo, anche nelle zone dal clima più fresco.

92 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page